Pubblicato da: Andrea | 25 giugno 2007

Come perdersi un bel concerto e ripiegare su un giretto a Brera

E va bene. Grazie sfiga per esserti abbattuta su di me anche ieri sera. Grazie perché mi continui a far perdere concerti interessanti con le motivazioni più disparate. Una volta la febbre, l’altra volta i problemi familiari, adesso il fantomatico tutto esaurito. Grazie davvero.

Insomma, ieri sera non sono riuscito ad andare al concerto di Anthony&TheJohnsons. Suppongo che me lo sarei dovuto aspettare, rinunciando ad acquistare prima i biglietti. Ma chi cavolo andava ad immaginare che il 25 Giugno, al teatro Dal Verme di Milano, ad una rassegna pressochè intellettualoide e con un artista apprezzato sì ma tutto sommato semisconosciuto alla massa avrei trovato pieno? E poi la colpa è anche del sito di TicketOne: per l’intera settimana i biglietti sono risultati “In attesa di nuove disponibilità”. Ed io al telefono non ordino: col caspita che dò in giro il mio numero di carta di credito ad un improbabile lavoratore frustrato di call center!
Vabbè comunque ieri mattina ho telefonato al teatro, ed un giovanotto discretamente odioso mi ha comunicato che i biglietti erano già finiti da tempo. Grazie tante, ho risposto io.
Al teatro però ci sono andato lo stesso, sai mai che il tipo al telefono mi avesse giocato un brutto scherzo. Ma il cartello a lettere cubitali appeso a tutte le entrate ha fugato ogni mio dubbio e spento ogni mia più remota speranza. Nein, zero, nada: TUTTO PIENO.

Io e l’amico che mi accompagnava abbiamo allora ripiegato su un happy hour milanese in zona Brera. Siamo stati in questo Fashion Cafè che è discretamente carino e credo abbia la più alta concentrazione di stranieri mai vista in un locale. Al tavolo di destra tre tipette inglesi volevano bere assenzio: il cameriere ha gentilmente risposto che non servivano tali schifezze. Al tavolo di sinistra un gruppo di russe e russi ha passato la serata a fare fotografie con la fotocamera digitale e a scambiarsi abbracci e baci, dato che ogni 10 minuti arrivava una persona nuova. Tutto sommato happy hour più che decente, con un ottimo Mojito (e si sa che il Mojito buono è la riprova della capacità del barman) e qualche salatino o tartina che non saranno stati dei piatti da grande scuola ma di sicuro sono andati giù che è un piacere. Diciamolo pure: abbiamo mangiato come dei maiali, ingozzandoci di pizzette e tramezzini. E io sono pure a dieta.

È seguito un giretto a Brera, tra senegalesi commercianti di borse Louis Vuitton e improbabili cartomanti e lettori della mano; il più sgamato la leggeva addirittura con lampada a led e lente d’ingrandimento: si vede che voleva andare a fondo nei futuri delle clienti, che comunque non sono mancate. Brera è una bella zona, piena di vita, un po’ intima, con tutti quei bei ristorantini con verandina sulla strada, dove osservare tedeschi che mangiano cotoletta&patatine e bevono birra, e italiani che optano invece per i più raffinati (ma mangerecci) risotti alla milanese con ossobuco. È una di quelle zone che ricorda ancora la Milano che fu, riparata dal caos delle auto e dalla tamarraggine patinata da locale rumoroso e modaiolo.

La serata è stata comunque piacevole, ma per il concerto m’è dispaiciuto assai. A questo punto credo che ritenterò lunedì prossimo con Philip Glass, famosissimo pianista contemporaneo, che suonerà sempre allo stesso teatro e sempre per la medesima rassegna culturale (La Milanesiana 2007). Sempre, naturalmente, che la sfiga non si metta ancora in mezzo o che gli esami universitari mi costringano ad un forzato studio serale.
A proposito: stasera calcetto. E a ‘fanculo i libri.
È Luglio ormai, dovrei essere in vacanza, e che diamine!

Annunci

Responses

  1. ma Glass non doveva suonare martedi? 😀

  2. @anotherMe: hey, hai ragione! Il 3 Luglio è un Martedì. Meno male che me l’hai fatto notare, sarebbe stato un po’ idiota presentarsi lunedì pretendendo di ascoltare Philip Glass 🙂
    Tu hai intenzione di andare?

  3. nooo…Philip Glass, il mio compositore moderno preferito, a Milano e io lo so solo ora???
    Padda…bisogna che io e te apriamo u n canale diretto di comunicazione per concerti!!! Sai che ho anche telefonato per Antony due settimane fa e mi avevano detto che non c’era piu’ posto? e pensare che io gli avrei anche dato il numero di carta di credito!!
    Glass di MArtedi’ la vedo dura per me…accidenti al lavoro!

  4. se devo essere sincero me ne ero completamente dimenticato -_-
    Quindi non so proprio, penso che deciderò all’ultimo momento sempre che rimangano dei biglietti :\

  5. @henry hehe, devi fare come faccio io: controllare costantemente il sito ticketone alla pagina dei concerti, in modo da sapere con largo anticipo chi suonerà e dove 🙂
    Io per Anthony ho aspettato fino all’ultimo ma sul sito continuavano a dare “in attesa” (fetenti, potevan scrivere esaurito), poi ho chiamato il giorno stesso il teatro e mi è stato detto che erano esauriti. Cmq non ci siamo persi molto: a quanto pare anthony non ha cantato per un problema alle corde vocali; si è limitato a suonare mentre cunningham leggeva… la rassegna è partita tra i fischi, ahimè :-/

    @anotherMe anche io aspetterò fino all’ultimo per vedere se gli impegni mi permetteranno di andare al concerto, e soprattutto devo ancora trovare gente disposta ad accompagnarmi (che ad andare da solo mi annoio!). In ogni caso credo che stavolta non ci sarà il tutto esaurito come per Anthony, quindi immagino che fino a lunedi (e magari persino il giorno stesso) i biglietti saranno disponibili.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: