Pubblicato da: Andrea | 27 marzo 2007

Spero tu sia felice, adesso


Io le ricordo le facce.
Facce tristi, facce felici.
Facce sorridenti, facce piangenti.
Facce contrite, facce rilassate, facce gioiose, facce arrabbiate, facce simpatiche. Facce da culo.
Le ricordo tutte come fosse ieri. Le ho fissate nella mente e memorizzate per sempre.
Le ricordo, le facce. Quelle di ognuno di Voi. Voi che ho conosciuto lungo il mio percorso, Voi che mi avete incrociato per caso o avete percorso un bel tratto di strada insieme a me, Voi che mi avete sostenuto nei momenti difficili. Voi che mi avete abbandonato sul più bello.
Ogni momento, ogni ricordo è impresso nella mia memoria. Ogni emozione, ogni discussione. Ogni dannatissimo istante delle nostre vite, così diverse e così distanti, che per una breve serie di momenti si sono incrociate come linee che diventano tangenti e indivisibili. E che ora sono tornate lontane. Forse seguono percorsi analoghi, corrono parallele verso l’infinito. Forse divergono e si allontanano l’una dall’altra. O forse convergono nuovamente, e allora saranno destinate a incontrarsi. Di nuovo. Fra chissà quanti anni, in chissà quale occasione.
Io le ricordo, le facce. Anche la Tua. E dovunque Tu sia, spero Tu sia felice, adesso.

“And it’s a sign of the times
I know there’s a reason for doubt

I just hope you’re happy now you’ve got your way

I can’t believe there isn’t more to say

Than it’s a sign of the times
I know there’s a reason for doubt

I just hope you’re happy now”

(Embrace, “I hope you’re happy now”)

Annunci

Responses

  1. Ho qualche difficoltà a ricordare le facce delle persone. Non perché sia disattento alle fisionomie. Ma tendo più a lasciarmi impressionare dalle parole, dalle azioni, dai gesti. Quelli sì, che li ricordo! E a volte vorrei dimenticarli…

  2. @adynaton: le facce in effetti indicano anche i gesti e le parole, come hai giustamente ricordato tu. E i gesti e le parole sono ciò che rimane più impresso.

  3. Questo tuo post va esattamente in linea con i miei pensieri. Quanti volti abbiamo incrociato nella vostra vita che hanno significato molto o molto poco, ma come dice Ady credo che siano proprio i gesti le parole e le loro azioniche ce li fanno ricordare ancora più intensamente, perchè evidentemente nel bene o nel male hanno segnato la nostra vita.

    volevo già scriverti nel tuo post precedente ma non era possibile… ho letto che ti piace il pianoforte, forte non sarà il tuogenere o forse l’hai già sentita, ma ti consiglio di ascoltare la colonna sonora di “Neverland- un sogno per la vita” o in titolo originale “Finding Neverland” è stupenda!

    Un abbraccio
    Lalla

  4. @laura: grazie per il consiglio, conosco già quel cd ed è in effetti stupendo, come stupendo era il film!
    Ho controllato il post di Damien Rice, in effetti non so come mai non si poteva commentare… adesso ho sistemato e i commenti sono riaperti, anche se mi sa che ormai non serve più! Ma vabbè! 🙂

  5. Io ultimamente tendo a dimenticare, e a non voler ricordare.
    Chissà, forse è meglio così.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: