Pubblicato da: Andrea | 10 febbraio 2007

Voglia di cambiare

Settimana intensa, ho fatto un esame all’università (il mio primo esame rifiutato e ripetuto!) e lunedì me ne aspetta un altro.
Per fortuna domani è sabato, giorno votato all’uscita serale. Peccato che la cosa non mi renda più di tanto felice. La mia uscita serale del sabato si ripete uguale da almeno 10 anni. Si fanno sempre le stesse cose, con le stesse persone. E, non so, in questo momento la cosa non mi rallegra.

Ho un serio bisogno di contatti nuovi. Le gente che frequento ormai non mi basta più. Ho bisogno di essere stimolato. È come se il mio cervello chiedesse esperienze nuove, fatti nuovi, conversazioni nuove. Frequento le stesse persone da anni, potrei dire secoli. So tutto di loro, ci sono cresciuto insieme ed abbiamo condiviso quasi tutto. Ecco, mi sono stancato.

Mi capita che non so più cosa raccontare. Mi ritrovo coi miei amici e non so cosa dire. Forse perché immagino che per loro non sia interessante. Me ne accorgo, a volte. Li guardo negli occhi, e capisco che si stanno annoiando. Forse è questo ciò che più di ogni altra cosa mi infastidisce: il fatto che io sia noioso. Ma credo che sia normale: quando conosci bene qualcuno e lui conosce bene te, prima o poi si arriva ad un punto in cui ogni frase diventa superflua. E scatta la noia.

Invece sarebbe completamente diverso con persone sconosciute. Lì potrei riscoprire la curiosità. Mia e loro. Ognuno desidererebbe scoprire qualcosa dell’altro, mettere in compartecipazione i sensi, scambiarsi ricordi, pensieri, emozioni. Si potrebbe imparare qualcosa di nuovo e allo stesso modo insegnarlo agli altri. Si potrebbe parlare senza il rischio di cadere nelle solite e banali conversazioni. E si potrebbe capire qual è la reale percezione che il mondo a di te. Chi ti conosce è per forza bugiardo; a volte mente per farti piacere, sorride per non renderti infelice, evita di replicare per non ferirti. Ma chi ti è estraneo non sarebbe altrettanto ingenuo, finirebbe col spiattellarti in faccia l’opinione che ha di te, che sia buona o cattiva non importa: sarebbe già un bel guizzo di spontaneità. E intavolerebbe una discussione, senza cadere nel ridicolo imbarazzo che contraddistingue alcune mie conversazioni da un po’ di tempo a questa parte.

Ammiro quando gli amici mi raccontano le loro esperienze settimanali. Sembra che chiunque abbia qualcosa da fare, tranne me che quando va bene vado in università e quando va male me ne sto chiuso in casa a fingere di studiare.
Lo so, basterebbe poco per cambiare le cose. Uscire, ampliare i contatti. Ma forse ho paura. Forse quella spontaneità che vado cercando è ciò che temo più di ogni altra cosa. Forse non mi sento pronto ad affrontare persone nuove, con le quali potrei non aver nulla in comune e che magari si farebbero di me un’idea sbagliata. Aspiro al giudizio, e contemporaneamente lo temo.

Credo che questi siano anche i motivi che mi hanno spinto ad aprire questo blog. Qui scrivo e basta, la gente non mi vede, non mi parla: si limita a leggermi. Mi immagina in un modo, ma forse sono fatto in un altro. Forse si incuriosisce, prova a costruire intorno a me un certo tipo di vita. Magari è quello che voglio: che chi non mi conosce mi immagini in un certo modo. Un modo che forse è migliore rispetto a quello reale.

In questo istante però avverto una strana sensazione di solitudine, anche se non posso dire di essere realmente solo. So perfettamente di conoscere molte persone che mi vogliono bene. Ognuna a modo suo, ma tutte mi vogliono bene.
È che… boh, non lo so, però intanto mi sento così. E quindi scrivo, mi aiuta a riflettere. E chissà che non mi dia il coraggio di cambiare qualcosa.
Perchè in fondo, tutto sta nelle mie mani.

Annunci

Responses

  1. caro padda non si e’ mai soli se non per decisione propria. e talvolta e’ la cosa migliore da fare.

  2. Sinceramene la solitudine mi fa paura. E non è nemmeno ciò che desidero.
    Quella che si sceglie da soli è riflessione, ed è diversa. A volte serve.
    Ma la solitudine, quella imposta, personalmente è qualcosa che non auguro a nessuno.

  3. Sarebbe molto più facile dirti che quello che scrivi è dettato da un attimo di sconforto e di noi, ma è più sincero dire che lo capisco molto bene (forse anche troppo). Il caso ha voluto che proprio in questi giorni mi sia soffermato a riflettere sugli stessi punti. Succede a tutti? A molti? A nessuno? Le conclusioni a cui sono giunto sono spesso incoerenti, deludenti, talvolta ottimistiche o influenzate dalle persone che mi stanno vicino. Sembra che il 2007 sia iniziato con uno strano vento, ancora non capisco se porterà il temporale, il bel tempo o se, una volta placato, tutto sarà esattamente come prima; però mi piace pensare che quando meno te lo aspetti succede qualcosa, che le coincidenze portano a risultati inaspettati e imprevedibili. E mi rendo conto che le cose che sembrano scontate non lo sono, che un raggio di luce illumina le zone più buie, che una nuvola può portare l’ombra anche nella zona più soleggiata, che stiamo crescendo, che le persone che credi di conoscere in realtà non le conosci, che esistono legami e alchimie nascoste, che ci si può sentire a casa dall’altra parte del mondo e a disagio dove si è sempre stati, che esistono delle certezze ma sono nascoste, che quelle che sembrano certezze talvolta si deteriorano o cadono, che possono accadere le cose più impensabili… che forse ogni tanto ci vuole una boccata d’aria dalla solita vita, che al di là della siepe c’è dell’altro a volte anche meglio di ciò che c’è di qua… O forse basterebbe credere in un sogno e rincorrerlo, perchè quando si vuole molto qualcosa, alla fine si avvera… saprò dirti…


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: